Indietro

Accessibilità siti web PA: direttiva

Pubblicata la Direttiva (UE) 2016/2102 del 26 ottobre 2016 relativa all'accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici. Al fine di migliorare il funzionamento del mercato interno, la direttiva mira al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri riguardanti le prescrizioni in materia di accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici, consentendo così a tali siti e applicazioni di essere maggiormente accessibili agli utenti, in particolare alle persone con disabilità. La direttiva stabilisce le norme a cui gli Stati membri si conformano per assicurare che i siti web, indipendentemente dal dispositivo utilizzato per l'accesso, e le applicazioni mobili degli enti pubblici soddisfino le prescrizioni in materia di accessibilità. La direttiva non si applica ai seguenti siti web e applicazioni mobili: - siti web e applicazioni mobili delle emittenti di servizio pubblico e delle società da esse controllate e di altri organismi o loro società controllate per l'adempimento di un compito di radiodiffusione di servizio pubblico; siti web e applicazioni mobili di ONG che non forniscono servizi pubblici essenziali per il pubblico o servizi specifici per le esigenze delle persone con disabilità o ad esse destinati. La direttiva non si applica anche ad una serie di contenuti di siti web e applicazioni mobili, come i formati di file per ufficio pubblicati prima del 23 settembre 2018, carte e servizi di cartografia online, contenuti di terzi che non sono né finanziati né sviluppati dall'ente pubblico. Gli Stati membri possono escludere dall'applicazione della presente direttiva i siti web e le applicazioni mobili di scuole, giardini d'infanzia o asili nido, ad eccezione dei contenuti relativi a funzioni amministrative essenziali online. Per «ente pubblico» la direttiva intende: lo Stato, le autorità regionali o locali, gli organismi di diritto pubblico o le associazioni formate da una o più di tali autorità oppure da uno o più di tali organismi di diritto pubblico, se la finalità specifica di dette associazioni è soddisfare le esigenze d'interesse generale che non abbiano carattere industriale o commerciale. Gli Stati membri recepiscono la direttiva entro il 23 settembre 2018. (GUUE L 327 del 2.12.2016)

Numero: 2102


Nessun commento. Vuoi essere il primo.