Indietro

Agenas: "Nel fine vita un diritto imprescindibile: non sentirsi soli"

“La scomparsa del Signor Marcello, avvenuta nei giorni scorsi presso il Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma, riporta tragicamente l’attenzione della cronaca sul tema fondamentale delle cure palliative e dell’assistenza dovuta ai malati terminali. Negli ultimi momenti della vita di una persona, così delicati, dove spesso ciò che conta per lei e i suoi familiari non sono né i farmaci, né l’ospedale, a questa persona va garantito un diritto su tutti: la dignità, il non sentirsi soli.”Lo dichiara Francesco Bevere, Direttore generale AGENAS. “Quanto accaduto nel racconto del figlio del signor Marcello - prosegue Bevere - è gravissimo, soprattutto alla luce del fatto che l’Italia è stato il primo Paese in Europa che nel 2010 con la Legge 15 marzo 2010, n. 38 ha varato disposizioni specifiche sui diritti degli ammalati alla terapia del dolore e alle cure palliative. L’applicazione corretta di questa legge assicura anche il rispetto della dignità della persona e l’equità nell’accesso a questo tipo di assistenza presso strutture dedicate quali gli Hospice. I Servizi sanitari regionali - dichiara Bevere - devono garantire e prevedere un supporto per le famiglie degli ammalati, nel rispetto dei principi fondamentali della tutela, dell’autonomia e della sua dignità, senza alcuna discriminazione. AGENAS, come indicato dal ministro Lorenzin, sta lavorando su un modello di “Rete oncologica e percorsi clinico assistenziali in oncologia”, insieme con le Società Scientifiche, le Associazioni dei pazienti, le Università, le Fondazioni e le Regioni e P. A., con l’obiettivo di migliorare i percorsi di cura e accogliere e accompagnare i malati oncologici in ogni fase della loro malattia e anche negli ultimi momenti della vita, in un contesto il più possibile familiare. Il rispetto della qualità della vita, anche nelle ultime fasi della malattia - conclude Bevere - nonché il sostegno adeguato e continuativo alla persona malata e alla famiglia, sono un obiettivo imprescindibile. Se non riusciamo in questo abbiamo fallito, tutti.” Leggi tutto



Nessun commento. Vuoi essere il primo.