Indietro

ANCI Toscana: Assemblea, lavorare insieme e ascoltare i cittadini

Data: 07 mar 2017

"Vogliamo essere noi sindaci a ricoprire un ruolo centrale nel dialogo con i cittadini, ed essere protagonisti nelle scelte per il futuro del paese. Possiamo dare un grande contributo al dibattito pubblico, sui temi delle riforme istituzionali, delle grandi questioni sociali, della vita dei cittadini; ma per farlo c'è bisogno del supporto di tutti. È quindi ai miei colleghi sindaci dico: tra i mille impegni quotidiani, dedicate anche un momento alla nostra associazione. Solo così potremo contare davvero". Sono le parole del presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato, Matteo Biffoni, nel suo intervento di apertura dell'Assemblea di Anci Toscana tenutasi il 3 marzo scorso in Palazzo Vecchio a Firenze, presente il presidente nazionale Antonio Decaro, nella giornata che ha visto al mattino l’evento “Anci ascolta” e che si è chiusa con la premiazione del concorso #BuonePraticheNetwork. Biffoni ha sottolineato il grande lavoro fatto nel 2016 da Anci Toscana nel supporto ai Comuni, negli incontri sul territorio, nella formazione, nel supporto nelle questioni tecnico-amministrativo, nello sviluppo di progetti europei, nella creazione di tavoli dedicati, nell'organizzazione di ben 57 eventi che hanno visto la partecipazione complessiva di quasi seimila persone. Tutto ciò anche con importanti risparmi dei costi di gestione. Biffoni ha anche ricordato il grande impegno di Anci Toscana sul tema dell'immigrazione e dell'accoglienza, mentre riardo alle fusioni di Comuni ha ribadito che non esiste nessuna imposizione per i territori, che devono decidere in piena autonomia e che Anci sostiene comunque in ogni percorso scelto. Dopo Biffoni, hanno portato il loro contributo alla discussione i sindaci di Forte dei Marmi Umberto Buratti, di Montelupo Fiorentino Paolo Masetti, di Pontedera Simone Millozzi e dell’assessore regionale Vittorio Bugli, che ha ribadito la indispensabilità del rapporto tra Regione e Anci, in un momento molto difficile per le sempre minori risorse a disposizione. A chiudere i lavori il presidente nazionale di Anci Antonio Decaro, che dopo aver fatto il quadro dei risultati ottenuti dall'associazione in materia finanziaria, ha sottolineato come l'impegno dei sindaci non sia solo quello, pur gravoso, di chiudere i bilanci: ma anche quello di tenere aperto il dialogo con i cittadini e la società civile, di ascoltarli, di dare risposte concrete ai bisogni concreti. L’Assemblea, oltre al piano delle attività e al bilancio per il 2017, ha avuto tra i suoi temi da un lato la capacità di innovare dei Comuni, mentre dall'altro le richieste dei sindaci a governo e Regione per migliorare l'efficacia del lavoro e dell'attività dei Comuni. (anci.it) I comuni vincitori di #buonepratichenetwork - La giornata dell'Assemblea annuale di Anci Toscana si è conclusa con l’assegnazione dei premi del concorso #BuonePraticheNetwork di Anci Toscana. Il concorso è nato per arricchire e promuovere una nuova iniziativa di Anci Toscana: la raccolta delle migliori esperienze realizzate dalle amministrazioni comunali della regione, selezionate e pubblicate sul sito dell’Associazione perché anche altri Comuni possano trarne spunto. L’iniziativa, alla sua prima edizione, ha avuto un ottimo riscontro: hanno partecipato 66 amministrazioni con 46 progetti su sei temi diversi temi (cultura, protezione civile, innovazione, immigrazione, sanità e welfare, governo del territorio). Premiate le sei migliori esperienze, una per tema; ai vincitori vengono offerti cinque corsi di formazione per due persone organizzati dalla Scuola di Formazione Anci Toscana. Chiunque ha potuto votare on line la buona pratiche preferita sulla pagina dedicata (www.ancitoscana.it/buonepratichenetwork); il voto del pubblico ha avuto un peso del 30% sulla valutazione finale, mentre il 70% è stato riservato alla apposita commissione valutatrice. La pagina #BuonePraticheNetwork viene curata da un gruppo di lavoro formato in gran parte da giovani amministratori di diversi Comuni; ogni Comune può caricare la propria ‘buona pratica’ sul sito e condividerla. “D’altra parte – spiega il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni - ‘copiare’ dai più bravi spesso è il modo migliore per imparare: ed i Comuni rappresentano il livello istituzionale a più alto tasso di innovazione, trovandosi non solo a dover affrontare ogni giorno una vasta gamma di problemi concreti da risolvere, ma anche a dover stimolare sempre più la loro creatività a fronte di risorse sempre più limitate”. Leggi tutto ANCI: Assemblea Anci Toscana - Valentini: “Sfruttiamo debolezze del territorio per riorganizzare Protezione civile” Assemblea Anci Toscana - Biffoni: “Dopo referendum fase nuova, Comuni siano protagonisti di riorganizzazione del territorio”



Nessun commento. Vuoi essere il primo.