Indietro

C2180 - Sicurezza pubblica: in Aula

Si è svolta in Aula alla Camera la discussione generale sul disegno di legge recante disposizioni in materia di sicurezza pubblica.
Tra le modifiche approvate dalle Commissioni riunite affari costituzionali e giustizia si segnalano:

  • estinzione del reato di oltraggio a pubblico ufficiale quando l'imputato, prima del giudizio, abbia riparato interamente il danno, mediante risarcimento di esso sia nei confronti della persona offesa sia nei confronti dell'ente di appartenenza della medesima;
  • riduzione dei tempi per l’acquisizione della cittadinanza italiana da parte dei coniugi di cittadini italiani sono ridotti in presenza sia di figli nati sia di figli adottati;
  • riformulato l'articolo 12 del TU immigrazione, per cui è prevista la reclusione da 6 mesi ad 3 anni per chi a titolo oneroso dà alloggio ovvero cede anche in locazione, un immobile ad uno straniero che sia privo di titolo di soggiorno;
  • la pena della reclusione da sei mesi a tre anni per il reato di danneggiamento si applica anche se il fatto è commesso su immobili i cui lavori di costruzione, di ristrutturazione, di recupero o risanamento sono in corso o risultano ultimati;
  • soppresso l'obbligo di denuncia dei clandestini da parte dei medici;
  • soppresso l’articolo sull’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza da parte dei comuni;
  • riscritto l’articolo sulle “ronde”: i sindaci, previa intesa con il prefetto, possono avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati al fine di segnalare alle Forze di polizia dello Stato o locali, eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana ovvero situazioni di disagio sociale. Le associazioni sono iscritte in apposito elenco tenuto a cura del prefetto, previa verifica da parte dello stesso, sentito il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, dei requisiti necessari previsti. Tra le associazioni iscritte nell'elenco i sindaci si avvalgono, in via prioritaria, di quelle costituite tra gli appartenenti, in congedo, alle Forze dell'ordine, alle Forze armate e agli altri Corpi dello Stato. Le associazioni diverse da queste ultime sono iscritte negli elenchi solo se non siano destinatarie, a nessun titolo, di risorse economiche a carico della finanza pubblica. Con decreto del Ministro dell'interno, da adottare entro sessanta giorni, sono determinati gli ambiti operativi, i requisiti per l'iscrizione nell'elenco e sono disciplinate le modalità di tenuta dei relativi elenchi.;
  • soppresso l’articolo relativo ai programmi integrati (art. 18 del d.l. n. 152 del 1991) di edilizia residenziale straordinaria.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.