Indietro

Camera - Proroga contratti distribuzione gas: risposta interrogazione

Il sottosegretario Gentile è intervenuto in Commissione attività produttive della Camera per spiegare a Gasparini (PD) la situazione della proroga dei contratti di distribuzione del gas: non ritenendo di fare una circolare esplicativa sul tema, il MiSE ha considerato più opportuno inviare a tutti i soggetti interessati (associazioni e operatori del settore della distribuzione gas, ANCI all'Autorità per l'energia l'elettrica), una nota che ribadisce quanto già espresso, dal legislatore nell'articolo 14 del decreto legislativo n. 164/2000 ovvero che il distributore è tenuto a proseguire nella ordinaria gestione del servizio anche dopo la scadenza (ex lege o naturale) della concessione e fino al nuovo affidamento. Dovendo, pertanto, proseguire nella gestione esso continuerà a percepire la tariffa per il servizio svolto e dovrà altresì continuare a pagare il canone concessorio precedentemente stabilito. Nei soli casi in cui la concessione sia giunta a scadenza naturale, il Ministero ha anche aggiunto la possibilità, rimessa all'autonomia negoziale tra le parti del rapporto concessorio, che Comune e concessionario possano addivenire ad una rinegoziazione del quantum del canone per il periodo intercorrente tra la scadenza naturale della concessione ed il nuovo affidamento, dovendosi escludere qualsiasi ipotesi di esenzione dal pagamento del canone a favore dei concessionari. Gasparini (PD) ha fatto presente che nel frattempo è intervenuta una sentenza del TAR che ha sottolineato l'importanza di garantire la continuità nell'erogazione del servizio e non del contratto. Dato che vi sono molti comuni che si trovano in una situazione di incertezza relativamente al rinnovo dei contratti di concessione, sarebbe utile individuare una norma interpretativa che risolva i problemi posti dall'articolo 14 del decreto legislativo n. 64 del 2000, in quanto intorno alla ambiguità servizio/contratto si gioca una partita che ricade negativamente sui bilanci comunali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.