Indietro

Camera – Rottamazione cartelle: risposta interrogazione

In Commissione finanze della Camera la Sottosegretaria Amici ha risposto a Gebhard (Misto-CR) che chiedeva una riduzione dei tempi di risposta alla dichiarazione di adesione alla definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione. Amici ha ricordato che i debitori possono definire i carichi affidati a Equitalia fino al 31 dicembre 2016 e che entro il termine del 31 marzo 2017 possono essere presentate non soltanto nuove dichiarazioni di adesione, ma anche integrazioni di dichiarazioni già presentate. Dunque l’Agente della riscossione dovrà svolgere una serie di accertamenti (individuare i carichi definibili, calcolare le somme dovute da ciascuno dei soggetti che aderiscono alla definizione, imputare i pagamenti effettuati a titolo di definizione agevolata) che richiedono tempi tecnici tali da giustificare il termine unico del 31 maggio 2017 (indicato dal legislatore per il riscontro ai debitori). Infine, ha ricordato che la semplice presentazione della dichiarazione impedisce l'avvio di nuove procedure cautelari ed esecutive, nonché la prosecuzione delle azioni precedentemente avviate, sia di natura cautelare, sia di natura esecutiva. Nella replica Ciracì (Misto-CR) ha fatto presente che però molti contribuenti, al fine di cancellare ipoteche, pignoramenti e fermi amministrativi, trovano difficoltà a corrispondere quanto dovuto in un'unica rata aderendo alla definizione agevolata.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.