Indietro

CdM: dlg direttive comunitarie

Approvati in via definitiva dal Consiglio dei Ministri 14 decreti legislativi per il recepimento delle direttive comunitarie, tra cui: - la direttiva 2004/113/CE, diretta a fornire un insieme di misure dirette a eliminare ogni discriminazione tra uomini e donne in relazione all’accesso a beni e servizi e loro fornitura. A tal fine sono introdotte le nozioni di discriminazione diretta e indiretta e quelle di molestia, parallelamente a quanto è già stato fatto in materia di accesso all’occupazione e di discriminazione per motivi di appartenenza etnica e razziale con i decreti legislativi n. 215 e 216 del 9 luglio 2003. L’attuazione della direttiva è realizzata attraverso una modifica al ‘Codice della pari opportunità tra uomo e donna’ (d.lgs. n.198/2006); - la direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali. Il testo sostituisce una direttiva c.d. "di rifusione" di vari precedenti testi normativi comunitari che disciplinavano il riconoscimento, negli Stati membri diversi da quello di origine, delle qualifiche professionali acquisite da cittadini comunitari. L'ambito di applicazione riguarda le professioni c.d. 'regolamentate', quelle cioè in cui il campo di applicazione è consentito solo a seguito di iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da amministrazioni o enti pubblici.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.