Indietro

CNEL: stati generali sul lavoro delle donne in Italia

Data: 07 feb 2012

Si sono tenuti il 2 febbraio 2012 gli Stati Generali “Il lavoro delle donne in Italia”. Intento dell'iniziativa è stato quello di contribuire a restituire centralità, nel dibattito economico, sociale e politico, sia alla annosa questione della scarsa partecipazione femminile al mercato del lavoro, sia alle principali problematiche che spesso ostacolano una adeguata valorizzazione e qualificazione del lavoro delle donne. Il Presidente Marzano ha dichiarato: "L'Unità d'Italia non potrà dirsi completa finché perdureranno le tre grandi discriminazioni nei confronti del sud, dei giovani e delle donne. In particolare l'universo femminile risulta discriminato nel e sul lavoro e l’Italia è al penultimo posto in Europa per quanto riguarda l'occupazione femminile. Il sistema italiano non fornisce servizi alla famiglia e di conciliazione, di conseguenza le donne o non entrano ne mercato del lavoro, o ne escono mercato dopo il primo figlio o per assistere parenti anziani. Infatti, alcune analisi sul mercato del lavoro evidenziano come dopo la nascita di un bambino il tasso di occupazione femminile passa bruscamente dal 63% al 50% per crollare ulteriormente dopo la nascita del secondo. Inoltre, sebbene le donne abbiano livelli di istruzione più elevati rispetto ai coetanei, competenze e merito non sono valorizzati, anzi persistono discriminazioni evidenti sulle differenze retributive, qualità del lavoro e di carriera. Bisogna dunque rafforzare concretamente le politiche d'incentivazione a favore della occupazione femminile, fornendo alle famiglie asili nido e servizi di cura per la terza età, e sviluppare un modello sociale per promuovere una ripartizione equa del lavoro familiare".



Nessun commento. Vuoi essere il primo.