Indietro

Codice della espropriazione e della perequazione urbanistica

Data: 28 gen 2014

L’Opera presenta un massiccio aggiornamento giurisprudenziale, che dà atto delle numerose pronunce intervenute, innanzitutto del giudice delle leggi; oggetto di puntuale approfondimento sono state le sentenze dellaCorte costituzionale, quale la n. 293 dell’8 ottobre 2010, che ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 43 t.u., inducendo il Legislatore ad introdurre l’art. 42 bis, con la disciplina dell’acquisizione sanante, nonché la  n. 338 del 22 dicembre 2011, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del comma 7 dell’art. 37, nella parte in cui, per il caso di omessa dichiarazione/denuncia ai fini dell'imposta comunale sugli immobili o di dichiarazione/denuncia di valori assolutamente irrisori, non stabilisce un limite alla riduzione dell'indennità di esproprio, idoneo ad impedire la totale elisione di qualsiasi ragionevole rapporto tra il valore venale del suolo espropriato e l'ammontare della indennità; infine, la n. 10 del 23 gennaio 2013 sull’opposizione alla stima. Sono state riportate anche le numerose decisioni della Corte di cassazione e del giudice amministrativo, di primo e di secondo grado sino al marzo 2013.
Una particolare attenzione è stata poi dedicata ai profili problematici delriparto di giurisdizione tra giudice amministrativo e giudice ordinario, che connotano la complessa procedura ablatoria.
Ancora una volta si è avuta cura di coniugare l’approfondimento, dottrinario e giurisprudenziale, delle diverse tematiche con il taglio pratico dell’Opera, che consente al professionista di trovare con immediatezza la risposta ad ogni problema concreto.
Un’accurata Appendice è stata dedicata all’istituto della Perequazione urbanistica, con uno sguardo anche alla legislazione regionale e con la risposta offerta dalla giurisprudenza alle problematiche connesse a tale istituto...

Scheda del libro


Autore: Roberto Garofoli, Giulia Ferrari

Editore: NelDirittoEditore, 2013

Immagini


Nessun commento. Vuoi essere il primo.