Commissione UE: pilastro europeo dei diritti sociali, consultazione

L’8 marzo la Commissione europea ha presentato una prima stesura di massima del pilastro europeo dei diritti sociali preannunciato dal Presidente Juncker lo scorso settembre e ha avviato una vasta consultazione pubblica per raccogliere le opinioni e le osservazioni di altre istituzioni dell'UE, delle autorità e dei parlamenti nazionali, delle parti sociali, delle parti interessate, della società civile, degli esperti del mondo accademico e dei cittadini dell'Unione. L'iniziativa è rivolta alla zona euro, senza tuttavia escludere altri Stati membri che intendano aderirvi. La consultazione online si protrarrà fino alla fine del 2016. Il pilastro europeo dei diritti sociali stabilirà una serie di principi fondamentali per sostenere mercati del lavoro e sistemi di protezione sociale all'interno della zona euro, equi e ben funzionanti. Una volta adottato, il pilastro diventerà un quadro di riferimento per vagliare la situazione occupazionale e sociale degli Stati membri partecipanti e guiderà il processo di riforma a livello nazionale. In termini più concreti il pilastro fungerà da bussola per orientare la rinnovata convergenza all'interno della zona euro. Memo: Verso un pilastro europeo dei diritti sociali: domande e risposte Factsheet: Tendenze economiche e sociali e sviluppi Pagina web del pilastro europeo dei diritti sociali Dite la vostra - Consultazione pubblica sul pilastro europeo dei diritti sociali Comunicazione: Avviare una consultazione sul pilastro europeo dei diritti sociali Allegato: Pilastro europeo dei diritti sociali: prima stesura di massima Principali tendenze economiche, sociali e occupazionali alla base del pilastro europeo dei diritti sociali Acquis sociale dell'Unione



Nessun commento. Vuoi essere il primo.