Indietro

Comune Civitavecchia: contrasto contraffazione, protocollo

La città di Civitavecchia ha dichiarato guerra alla contraffazione alleandosi con l'ufficio delle Dogane, con la firma di un protocollo d'intesa il giorno 18 ottobre 2013 tra il sindaco Pietro Tidei e il direttore Interregionale delle Dogane Roberta de Robertis per avviare un sistema preventivo di allerta sulla movimentazione di merci, con controlli mirati. Lo ha segnalato in una nota il segretario Uilpa Dogane Lazio e Abruzzo, Virgilio Tisba. Con il termine contraffazione, si intende tutta una serie di atti riconducibili alla produzione e commercializzazione di merci che recano, in maniera del tutto illecita, un marchio identico ad un marchio registrato (originale),oppure la riproduzione di beni coperti da copyright, fenomeno meglio conosciuto con il termine ''pirateria. Vogliamo ricordare - ha rammentato Tisba - che la commercializzazione di merci contraffatte e usurpative produce notevoli danni a produttori e commercianti che rispettano le Leggi e inganna i consumatori facendo talvolta correre a questi ultimi rischi per la salute e la sicurezza. L'Agenzia delle Dogane, per mezzo dei moderni e sofisticati sistemi informatici e della grande professionalità dei propri funzionari, ha già da qualche anno intrapreso questa politica di contrasto al fenomeno della contraffazione in grande stile che ha portato al conseguimento di imponenti risultati. L'impegno contro le vendite abusive, la contraffazione, le false griffe, i prodotti senza origine e di qualità nel migliore dei casi sconosciuta: con questo spirito è il protocollo d'intesa ha spiegato Tisba - Rispetto a questo problema, flagello per i produttori e i commercianti onesti e per i consumatori che si punta a realizzare, nel territorio della provincia romana una concreta e forte collaborazione Istituzionale.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.