Indietro

Comune Cremona: la prefettura si attiva in difesa dei diritti delle donne

I segretari confederali provinciali di CISL, CGIL e UIL e i rappresentanti di alcune associazioni locali (AUSER e Rete Donne di Cremona), attive anche nella tutela dei diritti della donna, sono state ricevute dal prefetto di Cremona Tancredi Bruno di Clarafond. I delegati hanno manifestato il grave disagio che vivono le lavoratrici costrette a procedere, al momento dell’assunzione, alla presentazione del cosiddetto ‘foglio di dimissioni in bianco’, una prassi frequente anche in diverse aziende della provincia. Le associazioni hanno riferito di aver avviato una petizione popolare e una serie di incontri istituzionali, su scala nazionale, per informare gli organi competenti sulla gravità sulla diffusione del fenomeno. L’obiettivo è quello di ottenere il ripristino della Legge n. 188/2007 che aveva introdotto delle misure per scoraggiare il fenomeno. Il prefetto ha espresso solidarietà alla categoria assicurando di voler rappresentare la questione al ministero dell’Interno, al ministero del Lavoro e per le Politiche sociali e al dipartimento per le pari opportunità presso la Presidenza del consiglio dei ministri.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.