Indietro

Comune Firenze: al via "Adotta Borgo" per l'inserimento dei migranti

Cura del verde, manutenzione di strade e marciapiedi, raccolta dei rifiuti. Sono le attività di decoro urbano nelle quali saranno impiegati i migranti ospiti delle strutture di accoglienza del comune di Borgo San Lorenzo, in provincia di Firenze. Il via è stato con la firma di un accordo di collaborazione, denominato “Adotta Borgo”, sottoscritto a Palazzo Medici Riccardi tra il prefetto Alessio Giuffrida, il sindaco Paolo Omoboni e i rappresentanti dei soggetti che gestiscono i centri di accoglienza straordinaria: associazione Insieme, associazione Progetto Accoglienza Vicchio, cooperativa Cenacolo e cooperativa Albatros. «Due sono gli aspetti significativi di questo accordo» ha detto il prefetto Giuffrida «da un lato il coinvolgimento del mondo del volontariato, che potrà fare da collante fra le varie iniziative messe in campo sul territorio, e dall’altro l’opportunità che viene offerta ai migranti di sentirsi impegnati in qualcosa di utile e di valido, allontanando così situazioni di esclusione». Il comune di Borgo si avvarrà delle associazioni firmatarie e della rete del volontariato, per la realizzazione del progetto e per individuare, tra gli ospiti delle strutture, coloro che vorranno parteciparvi, esclusivamente su base volontaria. Le prestazioni saranno rese a titolo gratuito, senza alcun compenso retributivo, mentre la copertura assicurativa sarà a carico dei soggetti gestori. L’accordo prevede un periodo di prova di sei mesi, durante i quali gli operai del cantiere comunale accompagneranno i migranti nel corso delle attività.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.