Indietro

Comune Genova: rischi ambientali, decalogo in 7 lingue

La prevenzione rimane sempre il punto di forza della sicurezza. In questi ultimi anni la comunicazione delle norme di autotutela ha rappresentato uno dei cardini della protezione civile e l'informazione, che acquista ogni giorno maggior peso ed importanza, un bene primario da cui non si può più prescindere. A questo scopo, la Protezione Civile del Comune di Genova ha pubblicato una brochure, presentata a Palazzo Tursi, dal titolo “Sicurezza senza confini. Prevenzione del rischio e buone pratiche di protezione civile”. La particolarità di questo opuscolo, che verrà stampato in 2.500 copie e distribuito nelle scuole genovesi, è che contiene i testi dei comportamenti di autoprotezione da adottare in caso di emergenza ambientale tradotti in sette lingue straniere, dai genitori degli allievi dell’Istituto Comprensivo Teglia, in Valpolcevera. La presentazione è stata introdotta da un intervento del sindaco Marco Doria, che ha sottolineato quante risorse l’amministrazione comunale abbia investito sul tema di mitigazione del rischio: con interventi strutturali tuttora in corso, ma anche con un lavoro profondo di informazione sulla cultura del rischio, da far comprendere ed assimilare da tutti i cittadini. La brochure, che ha avuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, contiene i testi in sette lingue straniere (inglese, francese, spagnolo, arabo, albanese, rumeno, dari) più un’ottava legata al territorio, il genovese, e ha coinvolto nel lavoro di stesura e revisione dei testi e di grafica anche l’Università di Genova, il CELSO Istituto di Studi Orientali, l’associazione “A Compagna” ed esperti madrelingua.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.