Indietro

Comune Milano: Comune e Ania insieme per la sicurezza stradale

Siglato dal Comune e dalla Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale un protocollo d’intesa per promuovere iniziative congiunte volte a contrastare il fenomeno degli incidenti sulla strada. Il documento prevede, tra i vari progetti, il lancio dell’operazione Quartiere sicuro, lo sviluppo di azioni di educazione stradale rivolte ai giovani e la distribuzione di dispositivi satellitari per la sicurezza delle donne. “La sicurezza stradale – ha detto l’assessore alla Mobilità, Trasporti e Ambiente Edoardo Croci – è uno degli obiettivi prioritari dell’Amministrazione. Assieme alla Fondazione Ania realizzeremo iniziative congiunte per migliorare le condizioni di sicurezza sulle strade milanesi. Stiamo già procedendo con interventi che non seguono una logica emergenziale, ma che sono realizzati attraverso azioni puntuali e mirate sulla base di piani strutturali. Nel 2008, rispetto all’anno precedente, gli incidenti senza feriti si sono ridotti del 14.4 per cento nell’area Ecopass e del 4.6 per cento al di fuori dell’area, mentre gli incidenti con feriti si sono ridotti del 14.2 per cento all’ interno dell’area e del 6.7 per cento all’esterno. Risultati incoraggianti ma che devono ancora migliorare”. Con l’operazione Quartiere sicuro, Comune e Ania intendono individuare, all’interno del territorio comunale, un’area da mettere in sicurezza, che costituirà un modello da esportare anche in altri centri urbani. Comune e Fondazione Ania si propongono, inoltre, di portare avanti congiuntamente interventi legati al progetto Black Point, che raccoglie all’interno di un sito gestito da Ania le segnalazioni dei cittadini sulle criticità delle infrastrutture stradali. In particolare, il Comune utilizzerà le informazioni messe a disposizione dalla Fondazione Ania per risolvere le criticità segnalate sul territorio. Il documento prevede anche lo sviluppo di iniziative rivolte alle scuole, come l’utilizzo della piattaforma di e-learning Patentino online della Fondazione Ania, che consente di accedere gratuitamente al corso per sostenere l’esame di idoneità alla guida dei ciclomotori, e i progetti dedicati alle donne, come la Scatola Rosa, il dispositivo satellitare per la sicurezza stradale e personale delle donne al volante.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.