Indietro

Comune Perugia: regolamento per accertamento-riscossione entrate

Due importanti misure sono state introdotte dall’Amministrazione comunale nel regolamento per l’accertamento e la riscossione delle entrate tributarie. Innanzitutto l’Esecutivo ha dato il via libera all’integrazione della disciplina del cosiddetto “diritto di interpello”, previsto dalla legge 212/2000 come modificata dal successivo d.lgs. 156/2015, introducendo un intero titolo, il V, articoli da 17 a 23. Il Comune ha l’obbligo di rispondere entro 90 giorni dal ricevimento dell’istanza; in caso contrario si forma il cosiddetto silenzio-assenso, ossia la mancata risposta è equiparata alla condivisione della soluzione prospettata dal contribuente. Va ricordato che la risposta dell’Ente ha efficacia esclusivamente nei confronti dell’istante. Nel contempo la giunta ha introdotto un nuovo articolo (5bis) dedicato integralmente al “baratto amministrativo” (o partenariato sociale) previsto dal d.lgs. 50 del 2016. Si tratta di misure che tendono a promuovere forme di “sussidiarietà orizzontale” e di collaborazione attiva tra Amministrazione e cittadini per la tutela e valorizzazione del territorio nonché il benessere della collettività, instaurando una cooperazione che consente, tra gli altri, di rafforzare il rapporto di fiducia tra l’Istituzione e la città.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.