Indietro

Comune Trapani: firmato il 'Patto di sicurezza' per la provincia

E’ stato sottoscritto dal prefetto di Trapani Stefano Trotta, alla presenza delle Forze di Polizia, dei massimi vertici delle Autorità giudiziarie e di tutti gli amministratori degli enti locali, il ‘Patto di sicurezza’ per la provincia. Con la stipula di questo patto, cui hanno aderito l’Amministrazione provinciale e tutti i comuni del comprensorio trapanese, si intendono promuovere nuove forme di collaborazione, tra l’Ufficio territoriale del governo e le amministrazioni locali, finalizzate ad assicurare azioni più incisive di tutela della sicurezza pubblica, attraverso un più intenso ed integrato processo conoscitivo delle problematiche emergenti sul territorio. Ciò nella considerazione che le attività di controllo del territorio, proprie delle Forze di Polizia, in raccordo con le competenze degli Enti locali in materia di sicurezza urbana, costituiscono il presupposto necessario per garantire maggiore efficacia nel contrasto ad ogni forma di illegalità, accrescendo così la fiducia e la credibilità nelle istituzioni pubbliche. In particolare viene istituito presso la Prefettura un apposito organismo di coordinamento tecnico delle Polizie municipali con il compito di elaborare mirate strategie operative di intervento nonché di promuovere iniziative di aggiornamento professionale degli operatori delle Forze di Polizia e della Polizia municipale, su tematiche di comune interesse professionale. Il Prefetto, inoltre, si è impegnato a programmare riunioni periodiche con i sindaci dei Comuni, per affrontare specifiche questioni relative alla situazione della sicurezza pubblica nei territori comunali ed individuare adeguati modelli di intervento per la loro soluzione. Una cabina di regia istituita presso la Prefettura consentirà la verifica, con cadenza almeno semestrale, dell’attuazione degli impegni assunti dalle parti con la sottoscrizione del Patto. La Provincia regionale si è impegnata a promuovere iniziative sotto il profilo socio-economico e avviare sinergie operative con i sindaci dei Comuni della provincia. I sindaci dei Comuni si sono impegnati ad: • assicurare, nell'intento di rendere più diretto e continuo il rapporto con la collettività, il presidio costante del territorio da parte del personale delle Polizie municipali anche attraverso l'istituzione, in relazione alle esigenze delle singole realtà territoriali, della figura del cosiddetto vigile di quartiere; • incrementare, possibilmente anche nelle ore notturne, l'impiego di pattuglie della Polizia Municipale per l'espletamento dei servizi di vigilanza e la rilevazione degli incidenti stradali, sulla base di linee di indirizzo da concordarsi in sede di Coordinamento delle Polizie Municipali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.