Indietro

Comune Venezia: una rete contro le devianze giovanili

E’ stato rinnovato ed illustrato presso il Liceo Classico Franchetti di Mestre, il protocollo per la prevenzione ed il contrasto delle dipendenze giovanili da sostanze stupefacenti, nonché delle diverse forme di devianza minorile, con particolare riferimento al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. L’accordo prevede un approccio multidisciplinare alle problematiche del disagio giovanile, con il coinvolgimento diretto delle famiglie, degli studenti, delle istituzioni scolastiche, e servirà a pianificare e realizzare interventi mirati di prevenzione e di contrasto. Saranno realizzati per questo obiettivo dei momenti di confronto e di dibattito sui maggiori fattori di rischio, sugli effetti dannosi causati dall’assunzione di sostanze stupefacenti, sulle sanzioni a cui i ragazzi vanno incontro. Focus anche sui rischi derivanti da un inappropriato utilizzo della rete e sugli eventuali profili di carattere penale, sulle misure educative e sui corretti comportamenti da adottare per la prevenzione e la gestione delle situazioni correlate, soprattutto in ambito scolastico. I percorsi di informazione e formazione già realizzati dalla Polizia di Stato, dal Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza, dalla Polizia Locale del Comune di Venezia, dagli assistenti sociali della Prefettura e dai responsabili dei SerD delle ULSS, presso i diversi istituti scolastici, con il coordinamento dell’Ufficio Scolastico Territoriale e il supporto della Città Metropolitana di Venezia, hanno riguardato 682 genitori, 358 docenti e 4650 studenti. Dai dati in possesso del Nucleo Operativo Tossicodipendenze della prefettura di Venezia, risulta che il fenomeno delle dipendenze da droga sta assumendo diverse e più pericolose connotazioni, sia per la sempre maggiore diffusione di sostanze ed in particolare di quelle chimiche/sintetiche che per la costante tendenza all’abbassamento dell’età dei ragazzi, coinvolgendo anche le fasce adolescenziali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.