Indietro

Comune Vicenza: "Niente panico", progetto di educazione stradale

"Niente panico" è il nome del progetto di educazione stradale e primo soccorso per le scuole secondarie di secondo grado possibile grazie alla partecipazione di Suem - 118, polizia locale e Croce bianca Vicenza con il coordinamento dell'ufficio giovani del Comune di Vicenza. Vi hanno aderito 14 classi quarte per un totale di 400 studenti circa. Saranno cinque gli incontri di circa 2 ore, che si snoderanno tra febbraio e marzo, a cui assisteranno due classi per volta. Il primo e l'ultimo incontro saranno tenuti dalla polizia locale, che si occuperà di educazione stradale e di rispetto delle regole; il secondo dai medici del 118, che parleranno di pronto Intervento, quindi di come chiamare un soccorso e in quali occasioni, dei tempi di intervento e di tanto altro; il terzo e il quarto dalla Croce bianca Vicenza che illustrerà le modalità di primo Intervento utilizzando l'opuscolo "Niente panico. Cosa fare e ... cosa non fare durante le emergenze", consegnato a ciascun studente e realizzato grazie al contributo di Se.Fa.Mo che offrirà a ciascun ragazzo o ad un suo familiare anche un buono gratuito per un check-up che comprende colesterolo, trigliceridi e glicemia. L'obiettivo è diffondere la cultura dell'emergenza sanitaria nelle scuole per consentire ai ragazzi di essere i grado di intervenire in soccorso di una persona. I relatori dei cinque incontri cercheranno di fornire informazioni il più possibile complete per riconoscere una situazione che richieda un intervento sanitario urgente e le corrette modalità di allertamento del soccorso sanitario. Poi si spiegherà come intervenire rapidamente e nel modo giusto a sostegno delle funzioni vitali e spostare, se è il caso, la persona dal luogo dell'evento. Il coinvolgimento degli istituti scolastici in un progetto di educazione stradale e di primo soccorso si è sviluppato a seguito delle molteplici esperienze attivate nelle scuole negli anni scorsi, con l'obiettivo di promuovere in contemporanea percorsi che generalmente erano trattati separatamente. Il Comune non sosterrà alcun costo per il progetto "Niente panico" che viene sviluppato grazie alla sinergia e alla collaborazione tra i soggetti coinvolti.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.