Indietro

Corte costituzionale: Pianificazione territoriale

Data: 14 mar 2017

Corte costituzionale - sentenza n. 50 del 7.2-10.3.2017: dichiara, tra l'altro, l’illegittimità costituzionale dell’art. 2, comma 3, della legge della Regione Liguria n. 11/2015, recante «Modifiche alla legge regionale 4 settembre 1997, n. 36 (Legge urbanistica regionale)». La norma oggetto di qlc dispone «I piani di bacino, nonché i piani delle aree protette di cui alla vigente legislazione regionale, vincolano, nelle loro indicazioni di carattere prescrittivo, la pianificazione territoriale di livello regionale, metropolitano, provinciale e comunale con effetto di integrazione della stessa e, in caso di contrasto, di prevalenza su di essa». Secondo il ricorrente, la norma violerebbe l’art. 117, secondo comma, lettera s), Cost., in relazione all’art. 145, comma 3, del Codice dei beni culturali e del paesaggio, il quale prevede che le disposizioni dei piani paesaggistici prevalgono sulle disposizioni contenute negli altri atti di pianificazione territoriale di settore. Infatti, la norma regionale, subordinando la pianificazione territoriale di livello regionale ai piani di bacino e ai piani per le aree protette, si pone in evidente contrasto con il principio di prevalenza del piano paesaggistico sugli atti di pianificazione ad incidenza territoriale posti dalle normative di settore, dettato dall’art. 145, comma 3, del codice dei beni culturali e del paesaggio.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.