Indietro

Corte costituzionale: Province soppresse

Data: 06 dic 2016

Corte costituzionale – ordinanza n. 246 del 19.10-22.11.2016: dichiara la manifesta inammissibilità delle questioni di legittimità costituzionale dell’articolo 1, comma 3, della legge della Regione autonoma Sardegna n. 15/2013 (Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province), sollevate – in riferimento, rispettivamente, all'articolo 43, secondo comma, della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3 (Statuto speciale per la Sardegna) ed agli articoli 1, 48 e 51 della Costituzione – dal Consiglio di Stato, sezione quinta. Le qlc riguardano la disposizione citata nella parte in cui prevede che, nelle province soppresse a seguito dei referendum abrogativi svoltisi il 6 maggio 2012 e del relativo decreto del Presidente della Regione 25 maggio 2012, n. 73 (tra cui, appunto, quella del Medio Campidano), sono nominati commissari straordinari che assicurano, medio tempore, «la continuità dell’espletamento delle funzioni già svolte dalle province» e predispongono, entro sessanta giorni dall’insediamento, gli atti necessari per le procedure conseguenti alla successiva adottanda legge di riforma organica degli enti locali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.