Indietro

Corte Costituzionale: rafforzata la tutela delle vittime di violenze domestiche

Il Tribunale potrà ordinare l’allontanamento dalla casa familiare anche di chi è indagato o imputato di lesioni volontarie lievissime nei confronti di figli naturali, di discendenti e ascendenti in generale, nonché del coniuge, anche separato o divorziato, dell’altra parte dell’unione civile, anche cessata, del convivente in modo stabile con cui ha un rapporto affettivo. È questo il quadro che emerge dalla sentenza n. 236 con cui la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la norma che attribuisce al giudice di pace la competenza sul reato, tentato o consumato, di lesioni volontarie lievissime in danno del figlio naturale.




Nessun commento. Vuoi essere il primo.