Indietro

Corte di giustizia UE: ricorso valutazione VIA

Data: 18 nov 2014

Conclusioni dell’Avvocato Generale Juliane Kokott del 13.11.2014 (C-570/13): Non è compatibile con l’articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali e con gli articoli 2, paragrafo 1, e 4, paragrafi 2 e 3, della direttiva 2011/92/UE sulla valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati, il fatto di opporre ai membri del pubblico interessato che presentino un ricorso contro l’autorizzazione di un progetto, con il motivo che avrebbe dovuto essere effettuata una valutazione di impatto ambientale, l’efficacia vincolante di una decisione di valutazione preliminare di non procedere ad una valutazione di impatto ambientale, allorché precedentemente non avevano la possibilità di impugnare tale decisione di valutazione preliminare. Gli articoli 2, paragrafo 1, e 4, paragrafi 2 e 3, della direttiva 2011/92/UE sono direttamente applicabili, nel senso che l’efficacia vincolante di una decisione di valutazione preliminare non può essere opposta ai membri del pubblico interessato nell’ambito del controllo giurisdizionale sull’autorizzazione di un progetto, allorché essi non hanno avuto nessuna altra possibilità di contestare tale decisione.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.