Indietro

Digital literacy

Data: 16 nov 2012

L'espressione digital literacy nasce dalla fusione di due termini: literacy che tradizionalmente viene impiegato come sinonimo di alfabetizzazione per indicare le capacità di leggere, scrivere e far di conto, e digital che indica l'utilizzo dell'ICT (Information and Communication Technology) e le trasformazioni sociali da essa indotti nei modi di fruizione dei dati, delle informazioni e della conoscenza.
Mentre il termine "alfabetizzazione informatica" viene solitamente riservato all'apprendimento delle modalità d'uso delle tecnologie (PC, internet, cell phone, ecc), l'espressione digital literacy ha una estensione più ampia che guarda all'impatto che tali tecnologie hanno avuto sui processi di formazione, sulla società e sulla cultura, arrivando a rimodulare il concetto stesso di cittadinanza.
Il cittadino digitale (digital citizen) è in grado di muoversi proattivamente in tale nuovo contesto, a differenza di chi invece rimane prigioniero delle barriere che si oppongono ad una piena partecipazione (digital divide).
Sono state proposte differenti classificazioni delle competenze che concorrono allo sviluppo della digital literacy, con particolare riguardo all'utilizzo del web. Eshet-Alkalai (2004) 1 indica le seguenti cinque componenti della digital literacy:

  • Photo-visual literacy che è l'abilità  di leggere e dedurre informazioni da fonti visuali;
  • Reproduction literacy ossia la capacità di utilizzare la tecnologia digitale per creare un nuovo elaborato o combinare pezzi di elaborati esistenti per ottenerne uno proprio;
  • Branching literacy che è la capacità di navigare con successo nella non linearità dello spazio digitale;
  •  Information literacy ossia la capacità di cercare, individuare e valutare criticamente le informazioni trovate sul web.
  • Socio-emotional literacy che si riferisce agli aspetti sociali ed emozionali dell'essere presenti on-line, sia che esso avvenga attraverso la socializzazione e la collaborazione, o semplicemente il "consumare contenuti".

Anche i così detti nativi digitali (digital native), vale a dire le persone della generazione cresciuta fin dall'infanzia a contatto con le tecnologie digitali, non è detto che spontaneamente acquisiscano tutte le abilità che configurano la digital literacy. La capacità di navigare nel web richiede infatti di sapere con chiarezza cosa si vuole trovare e saper valutare criticamente l'attendibilità e la significatività delle fonti; prendere parte, in modo efficace, ai social network richiede qualità comunicative e relazionali. Di tali aspetti si deve tener conto in un progetto formativo finalizzato allo sviluppo della digital literacy.

1 "Digital literacy: A conceptual framework for survival skills in the digital era".Journal of Educational Multimedia and Hypermedia, 13 (1): 93-106; URL consultato il 16-11-2012



Nessun commento. Vuoi essere il primo.