Indietro

Dipendenti pubblici e rimborso trasferte: interrogazione

L'articolo 6, comma 12, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, stabilisce l'abolizione, per tutti i pubblici dipendenti, della possibilità del rimborso chilometrico riconosciuto per le attività ispettive svolte secondo modalità stabilite dalla legge 18 dicembre 1973, n. 836. Dunque, ha fatto presente il deputato Grimoldi (LNP) ai Ministri dell’economia e della PA, per qualunque necessità ispettiva bisogna ricorrere ai mezzi pubblici; il costo medio di un funzionario comunale è di 35 euro lorde all'ora; in molti casi il tempo necessario per effettuare gli spostamenti con i mezzi pubblici è notevolmente superiore a quello con i mezzi privati (in alcuni casi anche il triplo); il costo dei biglietti dei mezzi pubblici viene comunque rimborsato ai dipendenti pubblici. Secondo l’interrogante, la norma non comporterebbe effettivamente un risparmio per la pubblica amministrazione, tenuto conto del maggior tempo degli spostamenti con i mezzi pubblici che potrebbe essere invece impiegato per svolgere le proprie mansioni.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.