Indietro

Donne e violenze: intervento Carfagna

Cogliendo l’occasione dell’interrogazione Nanninici (PD), il Ministro Carfagna è intervenuta in Commissione giustizia della Camera per illustrare gli interventi attuati dal Governo per contrastare la violenza di genere. In particolare:

  • per il 2009 sono state rassegnate al «Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità» le disponibilità non impegnate nell'esercizio 2008 pari a circa 78 milioni di euro;
  • il decreto-legge n. 11 del 2009 ha introdotto nel nostro ordinamento il nuovo delitto di «atti persecutori» cd. «stalking», mediante l'articolo 612-bis del codice penale, al fine di sanzionare tutte quelle minacce e molestie reiterate che potrebbero degenerare in violenza sessuale o omicidio;
  • lo stesso d.l. ha assegnato 3 milioni di euro al «Fondo nazionale contro la violenza sessuale e di genere» per sostenere e diffondere sul territorio i progetti di assistenza alle vittime di violenza sessuale e di genere;
  • il Ministero per le pari opportunità ha presentato, d'intesa con il Ministero della Giustizia, il disegno di legge recante «Misure contro la violenza sessuale» (A.C. 1424), che prevede, in particolare, l'introduzione nell’ ordinamento di misure che rafforzano la tutela penale contro la violenza sessuale;
  • il 15 gennaio 2009 Carfagna ha siglato un Protocollo d'intesa con il Ministro della Difesa finalizzato a rendere più efficace il contrasto alla violenza di genere ed al fenomeno dello «stalking»: si prevede la formazione di un'unità di esperti, denominata «Sezione atti persecutori» e composta da 11 Carabinieri, uomini e donne, impegnati nell'analisi e nel monitoraggio del fenomeno;
  • il 3 luglio 2009 è stato inoltre firmato con il Ministro dell'Interno un Protocollo con cui: potenziare il servizio 1522, il numero di pubblica utilità antiviolenza e antistalking attivo presso il Dipartimento per le pari opportunità, attraverso un raccordo tra il call center e le forze di polizia per gli episodi che presentino aspetti di competenza di queste ultime; perfezionare la formazione delle forze di polizia per uniformare il comportamento degli agenti nella gestione della vittima di violenza; sensibilizzare sul tema le donne e i minori, favorendo l'azione di sensibilizzazione dei giovani nelle scuole attraverso la partecipazione a conferenze e la distribuzione di materiale informativo ed avviando, d'intesa con gli enti locali e il mondo della scuola, la sperimentazione in città campione di corsi di autodifesa;
  • è stato siglato un protocollo con il Ministero dell'istruzione per l'istituzione, presso le scuole di ogni ordine e grado, della «Settimana contro la violenza»: dal 12 al 18 ottobre 2009 saranno avviate iniziative rivolte al contrasto di ogni forma di violenza nelle scuole e a diffondere la cultura della legalità fra i giovani;
  • è infine in via di elaborazione un «Piano nazionale contro la violenza di genere e lo stalking», destinato ad offrire un utile quadro di riferimento per tutti i soggetti istituzionali e non interessati a contrastare ogni forma di violenza, attraverso la previsione di azioni di prevenzione, informazione e sensibilizzazione dell'opinione pubblica; attraverso la formazione degli operatori del settore, il monitoraggio del fenomeno e l'attuazione di misure di politiche sociali.
Infine Carfagna ha ricordato l’organizzazione, nell'ambito della Presidenza italiana del G8, della Conferenza dedicata al tema della violenza contro le donne. Dalla Conferenza è emersa l'importanza di educare tutte le società ai valori dell'uguaglianza senza distinzione di «sesso, di razza, di religione, di lingua, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali».



Nessun commento. Vuoi essere il primo.