Indietro

Emendamento del Governo sulla raccomandazione vincolante dell’Anac

Il Governo ha presentato l’emendamento alla manovra mirato a ripristinare, con modifiche, il potere di “raccomandazione vincolante” nei confronti delle stazioni appaltanti.

Si prevede che l’ANAC possa agire in giudizio contro i bandi, gli atti generali e i provvedimenti relativi a contratti di qualsiasi stazione appaltante che violino le norme in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi o forniture.

Se l’Autorità dovesse riconoscere gravi violazioni potrebbe inviare un parere motivato, indicando i vizi di legittimità riscontrati; se la stazione appaltante non si adeguasse entro il termine fissato, ANAC potrebbe presentare ricorso al giudice amministrativo nei successivi 30 giorni.

Sarà la stessa Autorità Nazionale Anticorruzione con proprio regolamento a individuare le tipologie di provvedimenti e i casi nei quali esercitare tali poteri.

Il testo dell’emendamento




Nessun commento. Vuoi essere il primo.