Indietro

Giustizia: 157 milioni ai comuni per spese di mantenimento uffici giudiziari

Su impulso del ministro Andrea Orlando, il ministero della Giustizia ha sbloccato 157 milioni di euro destinati ai Comuni per i rimborsi delle spese di mantenimento degli uffici giudiziari. I fondi, rivolti ai Comuni sedi di uffici giudiziari, da tempo vincolati per ragioni tecniche, prevedono una prima rata, già in pagamento, pari a 62,2 mln di euro per il 2012, ed una seconda, relativa al 2013, pari a 92,1 mln di euro che verrà erogata in breve tempo, non appena completati i passaggi burocratici. “Abbiamo superato l’impasse – ha dichiarato il Guardasigilli - grazie ad una interpretazione innovativa delle vigenti disposizioni, adottata con l’intento di agevolare i Comuni impegnati a sostenere le spese dell’ultimo triennio dedicate al funzionamento degli uffici giudiziari”. “In questa fase di generalizzata difficoltà economica – ha proseguito il Ministro Orlando - abbiamo voluto dedicare una particolare attenzione a quei Comuni sedi di uffici giudiziari accorpanti, assicurando loro una percentuale maggiore di risorse al fine di supportare al meglio la fase di avvio della nuova geografia giudiziaria”. ANCI: “Prendiamo atto con soddisfazione dello sblocco dei primi 157 milioni da parte del Ministero della Giustizia, che andranno a rimborsare, come previsto dalla legge e da noi più volte richiesto, le spese sostenute dai Comuni per il mantenimento degli uffici giudiziari. Si tratta però di un primo seppur importante passo, nella direzione del pieno riconoscimento dello sforzo finanziario delle singole amministrazioni per garantire una funzione, quella della Giustizia, che rientra nelle competenze esclusive dello Stato. I fondi stanziati oggi, infatti, costituiscono una parte delle spese già sostenute dai Comuni - con l’usuale senso di responsabilità, seppur in un momento di drastici tagli ai trasferimenti - dal 2010 ad oggi. Auspichiamo ora che il Governo e il Ministero della Giustizia proseguano su questo percorso, arrivando nel più breve tempo possibile al ristoro dell’intera somma spettante ai Comuni. A questo scopo ribadiamo la necessità dell’istituzione di un tavolo di concertazione dedicato proprio alle spese di mantenimento degli uffici giudiziari, che definisca un percorso condiviso tra Comuni ed esecutivo per evitare ulteriori e ormai insostenibili dilazioni dei tempi di ristoro delle spese sostenute dalle amministrazioni comunali”. Lo afferma il presidente dell’ANCI, Piero Fassino. (anci.it)



Nessun commento. Vuoi essere il primo.