Indietro

Giustizia: Carceri, bene la decisione Corte Strasburgo

“La decisione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di respingere tutti i ricorsi ricevuti negli ultimi anni dai detenuti italiani sancisce definitivamente la serietà e la correttezza messa in campo dal Governo nell'affrontare la drammatica emergenza del sovraffollamento carcerario con cui abbiamo dovuto fare i conti fin dai primi giorni dell'insediamento a Via Arenula. La Corte di Strasburgo riconosce al nostro Paese l'impegno sia nell'aver messo sotto controllo il sistema sia nell'aver trovato soluzioni efficaci di risarcimento per i detenuti rispetto a una problematica che rischiava di costare all'Italia una pesante condanna sia in termini economici che di immagine, proprio durante il nostro semestre di Presidenza Europea. Nessuno pensi che ora l'azione riformista del nostro sistema penitenziario sia terminata: c’è ancora moltissimo da fare per rendere la pena e il carcere sempre più in linea con l'articolo 27 della nostra Costituzione; da oggi però possiamo continuare il nostro lavoro con rinnovato impegno, forti del riconoscimento e del percorso fin qui portato avanti”. Lo afferma, in una nota, il Guardasigilli Andrea Orlando da Washington.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.