Indietro

Grandi eventi e sicurezza

Nel corso di una conferenza delle Nazioni Unite sul miglioramento della sicurezza in occasione di grandi eventi, la Commissione europea ha presentato i risultati del progetto di ricerca EU-SEC, che ha beneficiato di un finanziamento pari 1,8 milioni di euro provenienti dal programma quadro di ricerca dell’Ue. Il progetto EU-SEC è coordinato dalle Nazioni Unite e riunisce i ministeri degli interni e le autorità di polizia di 10 paesi dell’Unione europea (Austria, Germania, Spagna, Finlandia, Francia, Regno Unito, Irlanda, Italia, Paesi Bassi e Portogallo), oltre all’Agenzia europea di Polizia e all’Istituto Interregionale di Ricerca delle Nazioni Unite sul Crimine e la Giustizia (Unicri). I partner hanno raccolto in un manuale le migliori pratiche utilizzate per garantire la sicurezza delle grandi manifestazioni e metteranno in comune i programmi nazionali di ricerca. Quando è stato avviato, nell’agosto del 2004, il progetto EU-SEC si concentrava sulle attività di messa in rete, individuando i programmi di ricerca più rilevanti a livello nazionale e creando siti web e guide. Adesso gli sforzi si stanno concentrando sullo sviluppo di un quadro che consenta la creazione di attività di ricerca congiunta, mettendo insieme le risorse nazionali in aree quali la ricerca sul rilevamento di esplosivi, la gestione del flusso di informazioni al pubblico e l’interazione tra organizzazioni di sicurezza private e pubbliche. La ricerca in materia di sicurezza è diventata una priorità tematica del Settimo programma quadro di ricerca dell’Ue e avrà un budget di 1,35 miliardi per il periodo 2007-2013. Tale programma sosterrà la ricerca nel campo della protezione dei cittadini europei e riguarderà fenomeni quali terrorismo, disastri naturali e crimine. Le priorità saranno la sicurezza dei cittadini, la sicurezza delle infrastrutture e dei servizi di pubblica utilità, i controlli d’intelligence e la sicurezza delle frontiere, il ristabilimento della sicurezza e della protezione in caso di crisi, i sistemi di sicurezza e gli aspetti sociali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.