Indietro

Il mercato elettronico e gli acquisti di beni e servizi dopo la spending review

Data: 09 apr 2013

Assicurare la massima economicità e trasparenza, riducendo discrezionalità e possibilità di abuso sottese alle procedure negoziate tradizionali: queste le ragioni del profondo riassetto dei sistemi di acquisizione di beni e servizi da parte delle pubbliche amministrazioni con l’obbligo per gli appalti sotto soglia comunitaria di “preventiva escussione” del mercato elettronico o dei sistemi telematici messi a disposizione dalle centrali regionali di committenza, pena la nullità del contratto, la responsabilità disciplinare e amministrativa per l’eventuale danno erariale arrecato.
Purtroppo le recenti disposizioni in materia presentano ambiti soggettivi di applicazione differenziati o con carattere di specialità, col risultato di un infelice incastro tra le norme che disciplinano il ricorso alle convenzioni Consip, al mercato elettronico, alla rinegoziazione, al recesso dei contratti.
Perciò la prima parte di questo nuovo volume provvede alla ricostruzione della disciplina riguardante le singole tipologie di Pubblica Amministrazione (enti locali, piccoli comuni sotto i 5000 abitanti, società partecipate, aziende sanitarie, amministrazioni statali, scuole e università) in relazione alle procedure obbligatorie o facoltative per l’affidamento di servizi e  forniture, evidenziando i nuovi obblighi in capo al RUP.
A seguire, il testo approfondisce la procedura di acquisto sul mercato elettronico e in particolare sul MePA che costituisce a tutt’oggi la piattaforma di market-place più estesa e ritenuta prioritaria dal legislatore.
Il Cd-Rom allegato contiene i manuali operativi di Consip sugli acquisti mediante strumenti informatici e sulla gestione di una richiesta di offerta (R.d.O.) nel MePA. oltre a utili schemi di atti.

Link al libro


Autore: A. Massari - S. Usai

Editore: Maggioli, Bologna, 2013

Immagini


Nessun commento. Vuoi essere il primo.