Indietro

Immigrazione: nuova risoluzione del Parlamento europeo

“I minori non devono essere detenuti per fini di immigrazione» e la Commissione europea dovrebbe agire contro gli Stati membri dell'UE “in caso di detenzione prolungata e sistematica dei minori e delle loro famiglie”, si legge in una risoluzione non legislativa approvata il 3 maggio scorso dall’Europarlamento.

Secondo gli ultimi dati dell'Agenzia Ue per i diritti fondamentali, nel settembre 2016 la Bulgaria era il Paese con il maggior numero di bambini migranti detenuti, mentre in Grecia, Ungheria, Polonia e Slovacchia se ne registra ugualmente un numero elevato. Nessun minore invece è stato trattenuto nei giorni in cui sono stati effettuati controlli in loco a Cipro, Danimarca, Estonia, Germania, Italia, Irlanda, Malta, Spagna o Regno Unito. Prosegui la lettura sul sito integrazione migranti.




Nessun commento. Vuoi essere il primo.