Indietro

INAIL, Online gli open data dei primi nove mesi del 2018

Sono 834 i morti  sul lavoro dall’inizio dell’anno ad oggi. Un dato agghiacciante e un trend in drammatico aumento rispetto allo stesso periodo del 2017 (+8,5%). Il dato è di Inail che oggi pubblica gli open data relativi ai primi nove mesi del 2018. 

Nella sezione “Open data” del sito Inail sono infatti disponibili i dati analitici delle denunce di infortunio – nel complesso e con esito mortale – e di malattia professionale presentate all’Istituto nel mese di settembre. Nella stessa sezione sono pubblicate anche le tabelle del “modello di lettura” con i confronti “di mese” (settembre 2018 vs settembre 2017) e “di periodo” (gennaio-settembre 2018 vs gennaio-settembre 2017). Nel numero complessivo degli infortuni sono comprese anche le comunicazioni obbligatorie effettuate ai soli fini statistici e informativi da tutti i datori di lavoro e i loro intermediari, compresi i datori di lavoro privati di lavoratori assicurati presso altri enti o con polizze private, degli infortuni che comportano un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento.

Gli open data pubblicati sono provvisori, perché soggetti all’effetto distorsivo di “punte occasionali” e dei tempi di trattazione delle pratiche. Per quantificare i casi accertati positivamente sarà infatti necessario attendere il consolidamento dei dati dell’intero 2018, con la conclusione dell’iter amministrativo e sanitario relativo a ogni denuncia.




Nessun commento. Vuoi essere il primo.