Indietro

Inammissibile il conflitto di attribuzioni, ma i singoli parlamentari possono ricorrere alla Consulta

La Corte costituzionale si è pronunciata sull’ammissibilità del conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, sollevato da 37 senatori e avente ad oggetto le modalità con cui il Senato della Repubblica ha approvato il Disegno di legge di bilancio 2019. Il ricorso denunciava la grave compressione dei tempi di discussione del Ddl, che avrebbe svuotato di significato l’esame della Commissione Bilancio e impedito ai singoli senatori di partecipare consapevolmente alla discussione e alla votazione.

Leggi il comunicato della Corte Costituzionale




Nessun commento. Vuoi essere il primo.