Indietro

Interno- Pari opportunità: contrasto discriminazioni

Un’azione di contrasto ancora più efficace in caso di atti discriminatori fondati su razza, origine etnica, handicap, credo religioso o orientamento sessuale: questo l’obiettivo dell’intesa avviata da Dipartimento delle pari opportunità e Ministero dell’Interno il 7 aprile 2011. In particolare, il rapporto di collaborazione vede coinvolti l’Unar, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, e l’Oscad, Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori, che è la struttura competente per la presa in carico degli atti discriminatori a valenza penale. Tra gli scopi della collaborazione, facilitare la denuncia da parte delle vittime degli atti discriminatori e garantire lo scambio di informazione tra i due organismi. Nel caso in cui l’Ufficio antidiscriminazione abbia notizia di atti discriminatori con rilevanza penale, anche a seguito di segnalazione tramite il numero verde 800901010 oppure on line, li trasmetterà all'Osservatorio per la sicurezza, anche per acquisire maggiori elementi necessari ad un tempestivo intervento. Il contrario avverrà nei casi di discriminazione non aventi rilevanza penale. Prevista, inoltre, la collaborazione tra i due organismi nell’ambito della formazione e dell’aggiornamento delle Forze di Polizia sui temi delle discriminazioni. Il Protocollo d'intesa



Nessun commento. Vuoi essere il primo.