Indietro

ISFOL: il lavoro delle donne inizia all'asilo ( ….con l'aiuto dei nonni)

Data: 10 mag 2011

La propensione da parte delle donne ad uscire dal mercato del lavoro in corrispondenza della nascita dei figli caratterizza il nostro Paese ma varia profondamente da regione a regione. In alcune realtà territoriali vi è un significativo virtuosismo, come emerge dal volume Isfol "Occupazione e maternità: modelli territoriali e forme di compatibilità", che mette in relazione gli andamenti dell'occupazione femminile con l'offerta di servizi per l'infanzia. In Italia solo il 12,7% di bambini riesce ad accedere alla rete pubblica dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, ma in alcune regioni questa percentuale raggiunge il 28%. L'occupazione delle madri è fortemente condizionata dalla disponibilità di strumenti di conciliazione che consentano una gestione flessibile degli orari di lavoro, opportunità che in Italia risulta ancora poco diffusa. Un fondamentale aiuto giunge quindi dai nonni, che offrono spesso il massimo di garanzia nelle cure, soprattutto quando un bambino si ammala. Per il 37% delle donne la decisione di avere figli dipende dalla disponibilità di familiari non conviventi nell'accudimento dei bambini e generalmente si tratta appunto dei nonni. Nell'attesa che l'offerta di posti in asili nido riesca a soddisfare le richieste, le famiglie ricorrono alla disponibilità dei nonni quotidianamente nel 27,5 % dei casi, a cui si aggiunge un ricorso quantomeno settimanale per un ulteriore 46%. L'indagine Isfol conferma che una maggiore diffusione dei servizi per l'infanzia potrebbe incentivare le donne a fare più figli, con un conseguente aumento della fecondità in Italia, che ad oggi non riesce a garantire un adeguato ricambio generazionale. Le donne che vivono in contesti in cui sono presenti strutture per l'infanzia hanno il 2,5% in più di probabilità di fare figli. Nelle Regioni che hanno specifici ed articolati servizi per l'infanzia il tasso di occupazione femminile si colloca sui livelli indicati dalla Strategia europea per l'Occupazione: in Emilia Romagna e in Trentino Alto Adige supera addirittura il 60% (contro il 46% della media nazionale).



Nessun commento. Vuoi essere il primo.