Indietro

Key Performance Indicators (KPI)

Data: 21 nov 2013

L'espressione Key Performance Indicators - usualmente abbreviata con l'acronimo KPI, e tradotta in italiano con "Indicatori chiave di prestazione" - sta ad indicare un insieme di indicatori che vengono scelti in una organizzazione per definire e misurare i progressi verso gli obiettivi che l'organizzazione si è data. Una volta che l'organizzazione ha analizzato la sua mission, identificato i suoi stakeholder e definito i suoi obiettivi, ha bisogno di un modo per misurare i progressi verso tali obiettivi. I KPI costituiscono il sistema di misurazioni prescelto.
Ad es. una azienda di servizi che si sia data come obiettivo il miglioramento della soddisfazione del cliente, potrà identificare come obiettivi chiave la percentuale casi in cui si rispettano predefiniti standard di servizio oppure altri indicatori di efficacia (legati ad es. alla facilità di accesso ai servizi, alla qualità delle informazioni fornite all'utenza, ecc). Una azienda che intenda migliorare la efficienza energetica dei suoi impianti potrà scegliere indicatori sui consumi energetici, sulla incidenza del costo dell'energia sul costo del prodotto  o altri indicatori di efficienza.
Il sistema degli indicatori deve essere scelto nel modo più significativo rispetto al monitoraggio degli obiettivi che si vogliono raggiungere. In questo senso il sistema dei KPI risulta assai prossimo a quello che nel mondo francofono è indicato come Tableau de bord de gestion.
Si parla di "robustezza" dei KPI in riferimento alla significatività e alla facilità di gestione degli indicatori prescelti; rientrano in essa la facilità di comprensione degli indicatori, il costo dell'informazione necessaria, il collegamento con i Fattori Critici di Successo (FCS), la loro stabilità nel tempo, ecc.




Nessun commento. Vuoi essere il primo.