Indietro

La filiera del vero

Data: 16 nov 2016

Il problema della contraffazione analizzato nei suoi vari momenti: dalla fabbricazione del prodotto alla distribuzione ai furti al traffico della merce rubata. ma c'e' una soluzione? d'amato suggerisce alcune possibilita' offrendo spunti tratti da casi concreti: da versace a prada a luxottica passando per la filiera dell'olio di oliva

Vero? Falso? A volte è difficile dirlo. A volte, agli occhi del cliente, è impossibile. Quando a essere falsi sono, per esempio, interi negozi fisici e siti web o quando la vendita di prodotti contraffatti non avviene nei mercatini di strada ma in punti vendita apparentemente legittimi.

“La contraffazione è problema antico ma sempre in crescita”, dice Iolanda D’Amato in La filiera del vero. Contraffazione e autenticità dei prodotto made in Italy (Egea 2016, 200 pagg.; 27 euro; 14,99 epub), “l’emergere di supply chain globali e complesse, composte da una moltitudine di attori, spesso vulnerabili e difficili da controllare in modo adeguato, la disponibilità di tecnologie sempre più avanzate e l’aumento delle vendite su internet sono considerate le principali cause alla base della crescita del fenomeno”.

In una prospettiva di supply chain end-to-end il problema della contraffazione deve essere incluso in un concetto più ampio di commercio illegittimo, che comprende fenomeni quali il mercato grigio/parallelo, le infiltrazioni nelle filiere legittime, la contraffazione dei punti vendita, le sovrapproduzioni non autorizzate, i furti e il traffico di beni rubati.

Proteggere e promuovere la filiera legittima diventa dunque una scelta necessaria e strategica: l’autenticità del prodotto non può prescindere dall’autenticità, dalla trasparenza e dalla sicurezza dell’intera catena che lo ha generato.

Il libro presenta il fenomeno del commercio illegittimo utilizzando un modello che descrive e analizza gli eventi attraverso le possibili interazioni tra le supply chain legittime e quelle illegittime, e propone soluzioni per contrastarlo attivamente, dà un approccio funzionale della visione strategica, alla luce di numerosi casi aziendali, tra cui Versace, Prada e Luxottica.

Un intero capitolo è anche dedicato alla contraffazione nel settore alimentare, in particolare all’olio d’oliva, fonte di scandali e frodi negli ultimi anni.

Scheda del libro


Autore: Iolanda D’Amato

Editore: Egea 2016

Immagini


Nessun commento. Vuoi essere il primo.