Indietro

Nuovo manuale del contratti pubblici

Data: 12 lug 2011

Agevola l'applicazione di tutte le possibili figure contrattuali praticate nel settore pubblico quest’opera organica e completa: oltre a quelle disciplinate dal codice dei contratti chiarisce anche quelle escluse dallo stesso ma in parte tipizzate, nonché le altre - pure fuori dal codice - soggette solo a regole generali di contabilità pubblica o a norme particolari.

Dopo un primo quadro d’insieme, il Manuale assume la decisione programmatica di spesa come epicentro del processo contrattuale intorno al quale ruotano gli interessi dei vari operatori.

L’utilità di tale nuova impostazione è evidente: consente di delineare la giusta chiave di collegamento tra i vari tipi di responsabilità che - innanzi a ben quattro giudici diversi - possono coinvolgere i titolari delle funzioni di indirizzo e/o gestionali e gli operatori economici coinvolti, a vario titolo, in rapporti contrattuali con le amministrazioni.

Ciascun settore negoziale trova agevole collocazione in capitoli separati per oggetto (lavori, forniture, servizi) e per riferimenti disciplinari (contratti fuori dal codice e contratti di lavoro): i servizi che, pur avendo un oggetto comune (la prestazione) acquisiscono una diversa qualificazione a seconda che siano rivolti alla P.A. (appalti) o ad una utenza generalizzata (concessione), vengono affrontati sia tra gli strumenti pubblicistici sia in uno specifico capitolo mentre separatamente sono state trattate le concessioni di beni pubblici.

Il volume illustra anche figure contrattuali non ancora disciplinate dal nostro ordinamento ma largamente praticate nel settore pubblico: know how, lease back, swap, future, handling, bartering, polling.

Una trattazione a tutto campo, senza confini, della contrattualistica d’interesse dei soggetti pubblici, dal lato attivo e passivo, o comunque comportanti oneri diretti e riflessi sulla finanza pubblica.

L’analisi organica e coordinata dei singoli tipi di contratti - caratterizzata dal minuzioso indice alfabetico (più di 2000 voci) e dalla assiduità dei richiami dottrinari e giurisprudenziali (oltre 7300) - si sviluppa in un testo di 1980 pagine che, nonostante la mole, si consulta con la facilità di una guida pratica-teorica.


Autore: Pelino Santoro, Evaristo Santoro

Editore: Maggioli editore, 2011

Immagini


Nessun commento. Vuoi essere il primo.