Indietro

Nuovo testo unico artigianato: l.r. n. 3/2015

Data: 24 feb 2015

In vigore dal 20 febbraio la legge regionale 17 febbraio 2015, n. 3, concernente il nuovo testo unico sull’artigianato (52 articoli). La legge semplifica procedimenti e organismi, introduce la figura del "maestro artigiano" e le botteghe scuola. Prevista la valorizzazione dell'artigianato artistico e tradizionale, nonché quella dei talenti e dei mestieri. Attenzione anche per l'artigianato più innovativo collegato alle nuove tecnologie e al commercio elettronico. La legge prevede l'istituzione del "Fondo per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione dell'artigianato laziale". Tra le semplificazioni introdotte la comunicazione unica, la cancellazione delle commissioni provinciali e quella dell'osservatorio per l'artigianato. Questi funzioni e compiti di Roma Capitale: • le province e Roma Capitale possono presentare all’assessorato regionale competente in materia di artigianato proprie proposte in occasione della predisposizione del piano triennale previsto dall’articolo 26; • le province e Roma Capitale, in conformità alle attività previste dai piani di cui agli articoli 26 e 28, concorrono ad attuare gli interventi di rilevanza provinciale previsti nella programmazione regionale; • dalla data di costituzione della Città metropolitana di Roma Capitale le funzioni e i compiti attribuiti alla Provincia di Roma sono attribuite alla suddetta Città metropolitana, nel rispetto delle disposizioni di cui alla legge n. 56/2014 (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni) e successive modifiche (BUR-2015-15-0 del 19.2.2015)

Numero : 3


Nessun commento. Vuoi essere il primo.