Indietro

Pari opportunità retributive: interrogazione

Secondo una ricerca elaborata dalla II Commissione politiche del lavoro e sistemi produttivi del CNEL, l'Italia continua a discriminare le donne nel mondo del lavoro, pagandole mediamente meno degli uomini, con una differenza di retribuzione fra uomini e donne che si aggira fra il 10 per cento ed il 18 per cento, a parità di qualifica ed impiego. Ciò premesso, Codurelli (PD) ed altri si sono rivolti ai Ministri del lavoro e per le pari opportunità, sollecitando iniziative affinché - visto il grosso differenziale salariale di genere all'interno dei luoghi di lavoro - si raggiunga una piena parità nelle retribuzioni tra lavoratori, provvedendo alla rimozione degli ostacoli che limitano la progressione professionale e di carriera.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.