Indietro

Pari opportunità: VIII Giornata Internazionale contro l'Omofobia

In occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, si è tenuta presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio, la presentazione del Rapporto Istat “La popolazione omosessuale nella società italiana”, alla presenza del Presidente della Camera, Gianfranco Fini. "Il Dipartimento per le Pari Opportunità e tramite esso l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali - ha sottolineato nel corso del suo intervento il Capo del Dipartimento per le Pari Opportunità, Cons. Avv. Patrizia De Rose - ha fortemente voluto questa indagine statistica, affidandone la realizzazione all’ISTAT e consentendone lo svolgimento mediante un apposito finanziamento e una costante azione di affiancamento e collaborazione svolta dall’UNAR". “Il tema dell’adozione di una strategia nazionale in materia di prevenzione, contrasto e rimozione delle discriminazioni connesse all’orientamento sessuale e all’identità di genere – ha spiegato il Capo Dipartimento - costituisce un ambito di primaria rilevanza e di sicura priorità nel più generale contesto della promozione del principio delle pari opportunità per tutti, come ha avuto modo di dichiarare il Ministro delegato alle Pari opportunità, Prof.ssa Elsa Fornero nel corso delle recenti audizioni parlamentari”. Secondo i dati presentati sono circa un milione (2,4% della popolazione residente) le persone che si sono dichiarate omosessuali o bisessuali. La maggior parte di queste è di sesso maschile, è giovane e vive nel Centro Italia. I dati si riferiscono solo alla parte della popolazione che ha deciso di dichiararsi, non sono quindi indicativi della effettiva consistenza della popolazione omosessuale. Si tratta comunque del primo dato 'certificato' di questo tipo. Chi fa 'coming out', rivelando la propria omosessualità, preferisce farlo con amici e colleghi di lavoro, piuttosto che in famiglia. Secondo i dati, circa il 20% dei genitori (più i padri delle madri) sa che i loro figli sono omosessuali, un dato che sale al 45,9% per i fratelli, al 55,7% per i colleghi, al 77,4% fra gli amici. "La ricerca ISTAT – ha concluso il Capo Dipartimento - rappresenta oggi uno stimolo in più per un’assunzione di responsabilità a cui, credo, nessuno possa e debba sottrarsi". All’incontro erano presenti, tra gli altri, il Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Cecilia Guerra, il Presidente dell’ISTAT, Enrico Giovannini, e tutte le principali realta lgbt italiane.

"La popolazione omosessuale nella società italiana" - Report ISTAT

Intervento del Capo Dipartimento per le Pari Opportunità, Cons. Avv. Patrizia De Rose




Nessun commento. Vuoi essere il primo.