Indietro

PE: diritti dei lavoratori domestici e delle badanti nell'UE

Ai lavoratori domestici e ai prestatori di assistenza, la maggior parte dei quali sono donne migranti, dovrebbe essere garantito uno status giuridico comunitario. In una risoluzione votata il 28 aprile, i deputati affermano che il riconoscimento della professione dovrebbe scoraggiare il traffico di esseri umani e lo sfruttamento.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.