Indietro

Regime fiscale società madri: direttiva

Con la Direttiva (UE) 2015/121 il Consiglio ha modificato la direttiva dell'UE sulle società madri e figlie aggiungendo una clausola antiabuso vincolante volta ad impedire l'elusione fiscale e la pianificazione fiscale aggressiva da parte dei gruppi societari. Lo scopo è di evitare l'utilizzo improprio della direttiva sulle società madri e figlie a fini di elusione fiscale, nonché di rendere più coerente la sua attuazione nei vari Stati membri. La clausola antiabuso impedirà agli Stati membri di accordare i benefici della direttiva a costruzioni "non autentiche", ossia che sono state poste in essere al fine di ottenere un vantaggio fiscale che non rispecchia la realtà economica. La clausola è formulata come una norma "de minimis", nel senso che gli Stati membri possono applicare norme nazionali più rigorose, purché conformi ai requisiti minimi dell'UE. Gli Stati membri avranno tempo fino al 31 dicembre 2015 per introdurre una norma antiabuso nel diritto nazionale. La stessa scadenza vale per il recepimento delle modifiche del luglio 2014 riguardanti le costruzioni finanziarie ibride. (GUUE L 21 del 28.1.2015)

Numero: 121


Nessun commento. Vuoi essere il primo.