Indietro

Regione Campania: una legge per la dignità e la cittadinanza sociale

In attuazione della legge n. 328 del 2000, la regione Campania ha approvato la legge n. 11 del 23 ottobre 2007 “legge per la dignità e la cittadinanza sociale. attuazione della legge 8 novembre 2000, n. 328”. La legge disciplina la programmazione e la realizzazione di un sistema organico di interventi e servizi sociali, che si attua con il concorso delle istituzioni pubbliche e delle formazioni sociali, attraverso l’integrazione degli interventi e servizi sociali, sanitari, educativi, delle politiche attive del lavoro, dell’immigrazione, delle politiche abitative e di sicurezza dei cittadini, dell’apporto dei singoli e delle associazioni. La legge promuove e assicura la pari dignità sociale della persona, le pari opportunità e l’effettiva tutela dei diritti sociali di cittadinanza, attraverso l’attuazione, nel rispetto del principio di sussidiarietà, di un sistema di protezione, a livello regionale e locale, fondato sulla corresponsabilità dei soggetti istituzionali e sociali, che concorrono alla costruzione di una comunità solidale. La legge promuove la prevenzione, la riduzione, la rimozione delle cause di rischio,l’emarginazione, il disagio e la discriminazione in tutte le sue forme, favorendo l’integrazione e la partecipazione di tutti i membri della società. I comuni sono titolari della programmazione, della realizzazione e valutazione a livello locale degli interventi sociali e, di concerto con le ASL, degli interventi socio-sanitari, nonché delle funzioni amministrative inerenti l’erogazione dei servizi e delle prestazioni del sistema integrato locale. I comuni concorrono alla programmazione regionale ed esercitano inoltre le altre funzioni e compiti amministrativi loro conferiti da leggi statali e regionali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.