Indietro

Regione Emilia-Romagna – Accordi Intercomunali Polizia municipale

Sono stati firmati quattro Accordi di programma tra Regione e associazioni di Comuni per realizzare Corpi intercomunali di polizia municipale. L’obiettivo dei questi Corpi intercomunali è dare un servizio più efficiente e veloce ai cittadini dei piccoli comuni. Il contributo della Regione è di 1 milione e 150mila euro in tre anni Gli Accordi di programma sono stati sottoscritti da Regione Emilia-Romagna, Unione Terre Verdiane (Parma), Associazione intercomunale Reno-Galliera (Bologna), Associazione intercomunale Cinque Castelli (Bologna) e Comunità Montana Valle del Marecchia (Rimini). I Comuni interessati - 27 in tutto, tra quelli dell’Unione di Comuni, delle due Associazioni e della Comunità montana - si impegnano insieme a raggiungere entro il 2008 gli standard di servizio e di organico previste dalle norme regionali, tra l’erogazione del servizio per un periodo medio giornaliero di almeno 17 ore e la dotazione di una centrale operativa idonea. Con i Corpi intercomunali vengono garantiti ai cittadini servizi di base, attività specifiche e controlli amministrativi svolti in modo uniforme all’interno di aree territoriali omogenee. Gli orari di servizio sono più lunghi e, in caso di necessità, risorse professionali più cospicue possono intervenire su emergenze e singole situazioni critiche. Infine, anche nelle realtà più piccole le polizie municipali, con questa nuova articolazione, possono diventare interlocutori reali delle forze di polizia nazionali, incrementando la collaborazione. Sono in corso inoltre verifiche tecniche per stipulare nuovi Accordi con altre otto realtà territoriali associate, di cui due hanno già un Corpo intercomunale (costituito, però, non in seguito a un "patto" con la Regione): ciò significa, per il prossimo futuro, almeno un’altra quarantina di Comuni emilia-romagnoli che potranno usufruire di questo servizio.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.