Indietro

Regione Emilia Romagna: accordo per aumentare la sicurezza di Bologna

Il presidente Vasco Errani e il sindaco di Bologna Sergio Cofferati firmano intesa per rafforzare il sistema di sicurezza del comune di Bologna. In gran parte del centro di Bologna è operativo dal 2004 un sistema di videosorveglianza con telecamere a circuito chiuso, gestito insieme dalla polizia municipale, polizia di Stato e dai carabinieri, come supporto delle attività di prevenzione e contrasto al degrado e all’illegalità. Questo sistema, composto attualmente da 291 telecamere, è stato finanziato per il 50% dei suoi costi (oltre 1,6 milioni di euro) dalla Regione. Con la sigla del nuovo Accordo, il Comune di Bologna e la Regione Emilia-Romagna si impegnano a estendere il telecontrollo a distanza del centro storico, con particolare attenzione alle aree limitrofe a quelle già attualmente coperte. Tutto l’apparato inoltre viene ammodernato e integrato, passando dall’analogico al digitale. Questa scelta tecnologica favorirà l’utilizzo di telecamere ad alta risoluzione e ridurrà l’impatto delle spese di manutenzione. Parallelamente, è previsto anche il potenziamento del server nella Centrale radio operativa della polizia municipale di Bologna, in modo da migliorare le capacità di memorizzazione e lo "scarico" delle immagini su richiesta delle forze dell’ordine. Oltre al potenziamento del sistema di videosorveglianza, l’Accordo di programma punta ad ammodernare il sistema informativo di gestione della centrale operativa del corpo di polizia municipale di Bologna per migliorare la comunicazione con le unità operative locali, attraverso il sistema di comunicazione radio Tetra. Si tratta di un ammodernamento delle dotazioni tecnologiche di radiocomunicazione della polizia municipale di Bologna in linea con i programmi regionali (R3 - Progetto rete radiomobile regionale).



Nessun commento. Vuoi essere il primo.