Indietro

Regione Lazio: al via le nuove linee per l’intramoenia

La Regione mette ordine all’intramoenia, l’attività libero professionale dei medici del servizio sanitario pubblico. Firmato il decreto con le nuove linee guida che saranno valide in tutto il Lazio. Una normativa omogenea in linea con le indicazioni nazionali. L’obiettivo è riportare il ricorso a questa tipologia di prestazioni alla sua ragione originaria, e cioè a un percorso di libera scelta del cittadino che non deve essere obbligato a ricorrere all’intramoenia a causa della mancanza di servizi. L’attività in intramoenia non potrà superare quella svolta in regime istituzionale. In sede di accordo aziendale saranno definiti gli importi per ogni singola prestazione e comprenderanno il compenso per il professionista, per l’equipe e il personale di supporto, e anche i costi per l’ammortamento e la manutenzione delle apparecchiature e quelli connessi all’attività di prenotazione. I pagamenti saranno tracciabili. Sarà l’Azienda a effettuare direttamente la riscossione , che dovrà avvenire attraverso mezzi che assicurino la tracciabilità del pagamento. La Asl tratterrà il 5% della somma complessiva e l’importo andrà a costituire un fondo per finanziare con cui ridurre le liste di attesa e effettuare attività di prevenzione. Nel Lazio l’attività di intramoenia vale circa 120 milioni l’anno.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.