Regione Lazio: Riforma welfare, Conferenza programmazione sociosanitaria

È ripreso in commissione Politiche sociali del Consiglio regionale del Lazio l'esame della proposta di legge n. 88 del 2013 "Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio". Approvati tre articoli, il 53, che disciplina la Conferenza permanente sulla programmazione sociosanitaria regionale, il 55, sulla carta dei servizi sociali, e il 56 sull'affidamento dei servizi. Accantonato invece l'articolo 54, relativo alla carta dei diritti sociali, in attesa di una riformulazione dello stesso da parte della giunta regionale. La Conferenza permanente sulla programmazione sociosanitaria sarà composta dagli assessori regionali competenti, dai presidenti delle conferenze locali, dai direttori generali delle Asl e dal sindaco di Roma Capitale. Tra i suoi compiti quello di formulare pareri e proposte alla Giunta. Rispetto alla formulazione originaria dell'art. 53, con uno degli emendamenti approvati la commissione ha stabilito che la Conferenza si avvalga della collaborazione dell'Osservatorio regionale permanente sulle famiglie e della consulta per i problemi della disabilità e dell'handicap. L'articolo 55, approvato con un solo emendamento di natura formale, prevede che i soggetti pubblici e privati che erogano prestazioni sociali adottino la carta dei servizi sociali al fine di tutelare gli utenti e garantire trasparenza e qualità nei servizi. Sull'articolo 56, che regola l'affidamento dei servizi, oltre ad alcuni aggiustamenti richiesti dalla recente approvazione del nuovo codice degli appalti, le modifiche approvate hanno avuto la finalità comune di garantire la tutela del personale impiegato presso i soggetti erogatori di servizi sociali, sia con riferimento alla difesa dei livelli occupazionali nel caso di un cambio di gestione, che per quanto riguarda l'applicazione della normativa sulla sicurezza del lavoro. Quanto al criterio della proposta economicamente più vantaggiosa per la scelta del contraente, la commissione ha deciso di privilegiare la qualità dell'offerta rispetto al fattore costo.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.