Indietro

Regione Lazio, unità nudge per migliorare la vita delle persone

Promozione sperimentale delle tecniche di Nudging. Con questo obiettivo si è riunito presso il Segretariato Generale della Regione Lazio, il gruppo di lavoro che vede la presenza di importanti esperti nazionali e internazionali, come la consigliera di Angela Merkel, la psicologa Sabrina Artinger e l’economista comportamentale di Harvard, Francesca Gino, con il coordinamento del professor Riccardo Viale.

Sviluppo di metodologie basate sulle teorie dell’economia comportamentale per stimolare la cittadinanza, o gli utenti dei servizi pubblici, a tenere comportamenti considerati vantaggiosi per la collettività.
In pratica una prospettiva di analisi delle politiche pubbliche - declinata negli aspetti sociali, economici, ambientali, sanitari – cui applicare il concetto di Nudging, traducibile con i termini “spinta gentile”. Questo approccio è basato sul rifiuto - in quanto non predittivi - degli assiomi della teoria della decisione razionale in favore dell’evidenza empirica dei comportamenti umani e sull’idea che l’irrazionalità possa essere corretta da alcuni accorgimenti di contesto che permettono di ottenere scelte migliori dal punto di vista normativo.
La Regione Lazio è la prima in Italia ad adottare un approccio di questo tipo e il funzionamento di questa unità operativa sarà modellato attraverso il confronto con le migliori esperienze internazionali e, nel contempo, impostando alcune linee di lavoro dedicate su temi come la Sanità, la Protezione civile e i tributi. Si tratta di una iniziativa “pioneristica” per tentare di introdurre tale tecnica di regolazione nel nostro ordinamento per migliorare il benessere delle persone, orientando le loro decisioni, organizzandone il contesto all’interno delle quali vengono prese, mantenendo la libertà di scelta.

Per maggiori informazioni

 




Nessun commento. Vuoi essere il primo.